Psicologa

Cozzupoli Sonia

Psicologa

Farini Elena

NEUROPSICOLOGIA

Giorni di attesa
  S.S.N. Privato Agevolato
Training disturbi cognitivi 5 1 ---
Valutazione neuropsicologica breve (4 test per idoneità alla guida) 5 1 ---
Valutazione neuropsicologica complessa per idoneità alla guida 5 1 ---
Valutazione neuropsicologica completa 5 1 ---

Prenota una visita

Tutte le visite possono essere prenotate online inviando una copia dei seguenti documenti:

  • impegnativa redatta dal medico
  • tessera sanitaria
  • eventuali tesserino d'esenzione

VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA AMBULATORIALE

L’attività ambulatoriale di neuropsicologia si rivolge:

  1. a pazienti con lesioni cerebrali focali non degenerative a eziologia postraumatica, vascolare, post-anossica, post-encefalitica, secondaria ad abuso di sostanze o a lesioni tumorali
  2.  a pazienti con sospetto decadimento cognitivo o già affetti da patologie dementigene a diversa eziologia: Mild Cognitive Impairment-MCI (deficit cognitivo lieve), demenza di Alzheimer, demenza vascolare, demenze fronto-temporali, afasie progressive, demenza a corpi di Lewy, Morbo di Parkinson, Parkinson-demenza
  3. a utenti di tutte le età per valutazioni inerenti l’idoneità alla guida in varie situazioni cliniche: soggetti a revisioni patente, ultrasessantacinquenni con necessità di patenti superiori, mutilati e minorati fisici, soggetti con sospetto decadimento cognitivo o con esiti di lesione cerebrale (ad es. ictus) e di coloro nei confronti dei quali l’esito degli accertamenti clinici, strumentali e di laboratorio faccia sorgere al medico dubbi circa l’idoneità e la sicurezza alla guida.

IN COSA CONSISTE LA VALUTAZIONE COMPLETA NEUROPSICOLOGICA

L’attività prevede la somministrazione di un’estesa batteria di test volta alla valutazione dello stato delle diverse aree cognitive e delle annesse implicazioni di tipo psicosociale, affettivo e di personalità conseguenti a danni cerebrali causati da eventi patologici. La valutazione neuropsicologica consiste nell’esame dei deficit a carico dei seguenti processi cognitivi:

-orientamento personale e spazio-temporale

- linguaggio (capacità di comprensione di ordini semplici e complessi, capacità di denominazione, capacità di accesso al lessico)

- memoria (memoria a breve termine verbale e visuo-spaziale, memoria a lungo termine verbale e visuo-spaziale, memoria di lavoro)

- funzioni esecutive (attenzione focalizzata e sostenuta, abilità logiche e di astrazione)

- abilità visuo-spaziali
L’indagine viene arricchita con la valutazione dell’impatto funzionale mediante la somministrazione delle scale BADL (Basic Activities of Daily Living) ed IADL (Instrumental Activities of Daily Living) e, ove necessario, con la somministrazione di test di approfondimento di singole aree cognitive (aprassia, agnosia, neglect, acalculia).

DURATA

La valutazione ha la durata di un’ora circa con scopi diagnostici, prognostici, riabilitativi o legale-assicurativi.

REFERTO

Al termine della valutazione neuropsicologica viene redatta una relazione che evidenzia le aree deficitarie e traccia un profilo cognitivo comportamentale utile agli scopi sopra descritti. Tale referto viene consegnato entro tre giorni lavorativi dalla data della visita.

 

TRAINING PER DISTURBI COGNITIVI AMBULATORIALE

L’attività si rivolge a pazienti affetti da patologie dementigene a diversa eziologia e a pazienti con lesioni cerebrali focali non degenerative a eziologia post-traumatica, vascolare, post-anossica, post-encefalitica, secondaria ad abuso di sostanze o a lesioni tumorali.
 

OBIETTIVO

Lo scopo principale del training cognitivo in pazienti con lesioni cerebrali focali consiste nel recupero delle funzioni deficitarie e nell’acquisizione di strategie di compensazione, al fine di minimizzare l’handicap (ovvero lo svantaggio sociale) conseguente alla menomazione subita. Mentre nell’anziano con deterioramento cognitivo si parla di stimolazione cognitiva in quanto l’obiettivo è diverso e consiste nell’esercitare le abilità residue e nel rallentare l’evoluzione del deficit delle funzioni cognitive danneggiate dal processo morboso.

DURATA

Il programma di riabilitazione prevede un ciclo di almeno 10 sedute individuali, a cadenza settimanale della durata di 60 minuti, in cui vengono proposti esercizi (sia carta-matita che computerizzati) con graduali livelli di difficoltà e lavoro a casa. Vengono inoltre fornite istruzioni specifiche per la generalizzazione nelle situazioni di vita reale delle strategie di compensazione apprese in seduta.

Terapie eseguite nei
seguenti centri